Vivere A Tempo di Coda

16 ottobre 2019 | commenti: Commenta per primo |

Vivere A Tempo di Coda, la nostra visione del mondo animale, il nostro stile di vita

A Tempo di Coda, perché questo nome? Abbiamo deciso di unire due nostre grandi passioni: la prima, ovviamente, è quella per i cani e per ogni specie animale (anche senza coda!); la seconda è l’amore per la musica.

Ed in fondo, a pensarci bene, il movimento ritmico della coda del cane è armonico, talvolta rapido, talvolta lento, ma sempre, anche in momenti di apparente immobilità, in grado di trasmettere comunque emozioni e sensazioni a chi ha occhi attenti.

L’importanza dell’osservazione

Il nostro lavoro è fatto innanzitutto di osservazione: giornate passate in campo guardando i cani ed il loro comunicare silenzioso: occhi, bocca, orecchie, pelo e coda ci narrano i loro stati d’animo.

I cani sono autentici nel loro confrontarsi con il mondo, molto più di quanto lo siamo noi umani con le parole che usiamo, che spesso e volentieri dicono cose diametralmente opposte a quelle che pensiamo.

Il cane non lo fa, non è in grado, e nella sua essenza pura e onesta, non ne ha nemmeno bisogno.

Lavorare per i cani con i cani

La nostra vita è lavorare per i cani e con i cani per il loro benessere, sia che abbiano già una famiglia, sia che siano ospitati da canili e rifugi.

Insegniamo agli umani, adulti o bambini che siano, a rispettare i cani nelle loro caratteristiche etologiche e comportamentali.

Cerchiamo di spiegare agli adopters, purtroppo alle volte con poco successo, che l’equilibrio perfetto nella relazione uomo-cane si ottiene mettendosi in gioco, togliendosi l’abito dell’egoismo che ormai appartiene alla specie umana, e vestendosi con una splendida pelliccia dentro la quale batte un saggio, coraggioso e generoso cuore di cane. E ovviamente attaccata alla pelliccia c’è necessariamente una coda, che battendo a tempo di musica, racconta quello che portiamo nel cuore.

Un’associazione cinofila diversa dalle solite

Dunque questo è VIVERE A TEMPO DI CODA: il nostro sogno di essere educatori cinofili mettendo ogni giorno le competenze, gli anni di esperienza e l’amore incondizionato per gli animali sopra ogni nostro interesse.

Di associazioni cinofile ce ne sono tantissime, soprattutto nell’area di Roma e dintorni. Noi però volevamo offrire al pubblico (soprattutto quello a quattro zampe), qualcosa di diverso: i nostri servizi cinofili integrati.

Partendo dall’educazione di base e, se necessario, dal recupero comportamentale del cane, sulla base delle sue attitudini e caratteristiche caratteriali, consigliare agli adopters il miglior percorso successivo: a partire dall’asilo giornaliero o dalla pensione più affidabili e comodi da raggiungere, fino all’attività sportiva o ricreativa più adatta.

Non ci interessa necessariamente essere noi l’associazione presso la quale fare tutto questo: ciò che conta veramente è garantire al cane ed alla sua famiglia, persone in grado di prendersi cura di lui nel modo migliore e posti in cui si possa sentire a casa.

Una famiglia per la famiglia

Chi si è trovato a scappare via da una pensione per cani cosiddetta di lusso quando si è reso conto che il suo cane sarebbe stato chiuso in una gabbia per una settimana o di più, sa quanto è importante affidarlo a mani sicure, a chi lo tratterebbe esattamente come se fosse in famiglia… nella sua.

Le attività sportive o ludiche che oggi il mercato offre ai sempre più proprietari/genitori di cani sono tantissime, ma è sempre comunque importante orientare i binomi verso pratiche che rispettino le attitudini, le inclinazioni di razza e i desideri dei cani e le caratteristiche fisiche e psicologiche dei proprietari.

In questo senso ci piace essere considerati dei consulenti, che indirizzano le famiglie dove cani ed umani possono fare esperienze ricreative, sportive e sociali di qualità, sempre nel rispetto dell’alterità animale, che va sempre messa al primo posto.

Dunque questo è VIVERE A TEMPO DI CODA… il nostro sogno che diventa realtà.

di Fabio Loquenzi ed Elena Cannella

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione di foto e testi, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Forse potrebbe interessarti anche:

Il Ritorno dei Segugi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.