Wedding Planner

26 giugno 2019 | commenti: Commenta per primo |

La figura della Wedding Planner

Quello che dovrebbe essere giorno più bello della propria vita, andrebbe organizzato nei minimi particolari. La buona notizia è che da alcuni anni esiste una figura professionale che si occupa proprio di questo, pianificare e organizzare un matrimonio dalla A alla Z, la Wedding Planner.

E’ una figura nata negli Stati Uniti e che successivamente si è sviluppata in Inghilterra. Film e trasmissioni tv hanno contribuito a far conoscere la professione in Italia.  Hanno però alimentato la percezione che la Wedding Planner sia adatta esclusivamente a matrimoni da alto livello di budget.

Niente di più sbagliato. La Wedding Planner è prima di tutto un aiuto operativo per rendere il matrimonio un evento perfetto, qualsiasi sia il budget a disposizione!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La domanda che potrebbe sorgere spontanea è come mai sempre più persone ricorrono ai cosiddetti wedding planner per organizzare qualcosa che, tradizionalmente, è sempre spettato agli sposi o ai parenti più prossimi.

La risposta a questo quesito va ricercata nello stile di vita sempre più frenetico cui si è normalmente esposti (lavoro, mansioni domestiche ecc.) che sicuramente non aiuta ad avere il tempo e la serenità necessari per occuparsi del proprio matrimonio.

La wedding planner svolge proprio questa funzione: proporre, scegliere, pianificare, organizzare e risolvere, il tutto entro un budget prefissato.

Tra i primi aspetti da curare viene la ricerca della location, per passare alla scelta dei fornitori, dell’abito nuziale e delle bomboniere.

E ancora.. il tipo del ricevimento, la musica, segnaposti, ecc .

Ma al di là delle mansioni ordinarie, la caratteristica principale che fa della wedding planner una vero professionista è che, pur occupandosi di tutti gli aspetti organizzativi, lascia sempre che le decisioni finali spettino agli sposi.

di Oriana Orlandi

 

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.